Il sito della cultura araba

 

copertinaislamlaicitàAbdou Filali-Ansary


Islam e laicità. Il punto di vista dei musulmani progressisti

Cooper Castelvecchi, 2003

Di cosa parliamo quando parliamo di Islam? Di una religione? Di un processo storico? E le sue concezioni sono antiche o 'antiquate'? Che rapporti vi sono tra il Corano, libro sacro rivelato al Profeta Muhammad, e l'organizzazione politica secolare? Questo libro cerca di fare un po' di chiarezza nella confusione che si è creata intorno a un mondo estremamente complesso e stratificato, che bussa alla nostra porta con insistenza e si è forzatamente imposto alla nostra attenzione. 'L'Islam è poi ostile alla laicità?' Questa è la domanda centrale per l'autore, e per generazioni di musulmani, in bilico tra fede e Storia. Ci viene in primo luogo chiarito che la laicità è un concetto (cosa che tendiamo spesso a sottovalutare) formatosi in Europa dopo il lungo e sanguinoso periodo delle guerre di religione, e dunque impregnato di una cultura che potremmo definire 'lato sensu' 'occidentale'. Ma qui Ansary apre una via di riflessione ben più interessante: il mondo islamico, nel corso dell'ultimo secolo, è stato attraversato da momenti di intensa riflessione scaturiti dal confronto, e non dal contrasto, con il mondo europeo e con la modernizzazione. Ci vengono presentati studiosi, opere, riflessioni che non avremmo mai pensato di trovare dove c'è il rischio di credere - per una semplificazione a cui siamo indotti dai media e dall'attuale fase di transizione internazionale - che vivano solo oppressione e fanatismo. Ansary dà una risposta chiara a molte domande che ci assillano e soprattutto pone ulteriori traguardi per la costruzione di un dialogo culturale e politico: primo fra tutti è quello di una concezione laica di matrice islamica: anche se il percorso delle società che ruotano attorno a questa religione sarà molto lungo e faticoso, e sicuramente diverso da quello sviluppatosi in Occidente, il suo risultato potrebbe essere assolutamente originale. Le democrazie occidentali devono oggi necessariamente partire da qui: da un dialogo con il folto gruppo di intellettuali e studiosi musulmani progressisti, di cui l'autore è uno dei più autorevoli esponenti.